WHAT'S NEW?
Loading...

SMART DOLL, L'ICONA TRIDIMENSIONALE DELL'ANIME


Stanno impazzando in tutto il mondo, semplici e innovative come l'uovo di Colombo. Non sono (solo) giocattoli, sono oggetti fashion. Le ha inventate l'artista Danny Choo, qualche anno fa, e da allora hanno conosciuto un successo travolgente.

Non sono solo bambole, ma elaborati simulacri di ragazzine, di circa 60 cm.,completi di abiti e accessori su misura. La versione automatica di Mirai Suenaga, personaggio mascotte della serie, è in parte bambola e in parte robot.


Siamo ben lontani dall'idea industriale della bambola umanoide per tutti, la Barbie. Qui si tratta di un oggetto tecnologico di design, dalle caratteristiche non comuni e dal costo non accessibile a tutti.

Ciò che più incanta è la loro verosimiglianza, sia pure in forma stilizzata, con i personaggi femminili anime. Semioticamente, l'anime è icona di una ragazzina vera, la Smart Doll è icona dell'anime, in un caleidoscopio di versioni.



La smart doll incarna, con la sua pelle morbida, in silicone, i suoi capelli soffici, i suoi occhi grandi ed espressivi, l'ideale della bambola moderna e interattiva. Un connubio di arte, fashion, design, lusso e tecnologia.

La potremmo definire la bambola 4.0, prendendo a prestito la connotazione della moderna industria dell'Internet of Things, incartata in un velo di poesia e romanticismo.



Un ibrido evoluto, in cui la contaminazione di generi la fa da padrone.

Allegoria del gioco e della poesia dell'adolescenza, diventa un ossimoro nella sua accezione di romantica tecnologia o di tecnologica tenerezza.

Diventata un oggetto del desiderio di pre e post-adolescenti, la metaicona Smart Doll rappresenta un inespresso desiderio di bellezza, perfezione, pulizia e freschezza giovanile, metafora della gioventù, bella e che non passa mai.



Esiste anche il fan club italiano. Lo trovate su Facebook, alla pagina Danny Choo fan club

Qui il video di presentazione della smart doll.


0 commenti:

Posta un commento