WHAT'S NEW?
Loading...

L'INVASIONE DEI MICRO-DRONI: FANNO I SELFIE E SI CONTROLLANO CON I GESTI


Il fenomeno selfie è iniziato ufficialmente nel 2004, quando un utente di Flickr, piattaforma per la condivisione di foto, ha usato il termine per la prima volta. Ed è esploso in fretta, basti pensare che nel 2013, il termine è stato inserito nell’Oxford Dictionary.

Di fronte a questa crescente necessità di auto immortalarsi, l’industria fotografica ha presentato diversi prodotti. Ci siamo abituati a vedere persone sorreggere un bastone metallico (selfie stick) e autoscattarsi una foto.

Ebbene la nuova frontiera del selfie sembra essere quella dei micro-droni e a tal proposito sono stati presentati da poco alcuni modelli pensati proprio per questo.

Il primo si chiama AirSelfie, ed è un drone quadrimotore tascabile. Con una flying camera che si inserisce facilmente nella cover dello smartphone, il micro drone permette di raggiungere un’altezza massima di 20 metri oltre a essere fornito di una fotocamera da 5 megapixel integrata.

La compattezza del modello AirSelfie
AirSelfie può essere inoltre connesso al WiFi dello smartphone ed essere guidato tramite un’app dedicata.


A Roma si è invece tenuta la presentazione di Spark, il mini-drone che si controlla con i gesti delle mani, in grado anche lui di fare i selfie.


Il modello Spark in azione
Questa sarà dunque l’estate dei micro-droni? Pesano poche decine di grammi, hanno dimensioni ridotte e prezzi abbordabili: tutti vantaggi competitivi che potrebbero trasformarli in un vero e proprio trend 4.0.

0 commenti:

Posta un commento