WHAT'S NEW?
Loading...

A Londra la realtà virtuale viene utilizzata come cura palliativa su persone colpite da gravi malattie.

La ricerca è condotta dalla psicoterapista italiana , che lavora per il Royal Trinity Hospice in collaborazione con Leon Ancliffe della Flix Film.

Ai pazienti si fanno vivere esperienze di viaggi in realtà virtuale, con lo scopo di comprendere meglio la connessione tra la mente e il corpo a scopo terapeutico.


Viene inoltre impiegata nelle fasi di pre e post intervento.

Tra i pazienti che si sono prestati alla sperimentazione troviamo Deborah, nata a Bologna e da venti anni residente a Londra.

La paziente, affetta da un tumore neuroendocrino, ha scelto di passeggiare "virtualmente" nel deserto.
L'inglese Sarah, come documenta il filmato di Repubblica qui riprodotto, colpita dalla malattia del motoneurone, ha invece voluto provare l'esperienza virtuale di nuotare con i delfini.


Novità "smart" per la sicurezza nel mondo delle corse automobilistice. In Salento, nella quinta prova del Tricolore rally ha debuttato, per la prima sperimentazione sul campo, un innovativo sistema sviluppato da una software house locale, in collaborazione con l’Università di Lecce, che va a estendere e migliorare le funzionalità garantite dall’attuale Tracking System.

Sviluppato da SofThings (http://www.softhings.com/it/), società spin-off dell’Università del Salento, il sistema Safe Rally si compone di un braccialetto, dotato di accelerometri, che comunica via bluetooth con un’apposita app, installata su uno smartphone da tenere in vettura che a sua volta invia i dati a un server centrale, dal quale vengono poi inviati a tutti gli utenti connessi alla pagina di monitoraggio.

Il braccialetto Safe Rally
In caso di incidente, in seguito al quale pilota o navigatore restano immobili, parte un allarme che viene visualizzato da tutti gli utenti connessi al sistema.

Il braccialetto rileva continuamente il movimento delle persone che lo indossano, grazie ad accelerometri e giroscopi miniaturizzati presenti al suo interno.

Tecnologie che ormai hanno costi molto bassi e che permettono ottimi risultati.

La prima versione dell’app di test è stata sviluppata per i telefoni basati su Android, ma se Safe Rally verrà adottato è già prevista anche la versione per iOS, mentre l’interfaccia a disposizione di Direzione Gara e personale sanitario in servizio, può essere visualizzata tramite qualunque web browser, sia di un pc sia di un dispositivo mobile come un tablet o uno smartphone.

Il dottor Luigi Fuggiano, ideatore del sistema d’allarme che funziona in “tempo reale” in caso d’incidente
«Il sistema – spiega il dottor Luigi Fuggiano, specialista in Anestesia e Rianimazione che da decenni opera sul campo – serve soprattutto per azzerare i tempi di intervento nel momento in cui succede qualcosa in prova speciale: nel nostro caso i tempi di intervento sono tutto. Guadagnare qualche minuto può davvero salvare una vita."


Stanno impazzando in tutto il mondo, semplici e innovative come l'uovo di Colombo. Non sono (solo) giocattoli, sono oggetti fashion. Le ha inventate l'artista Danny Choo, qualche anno fa, e da allora hanno conosciuto un successo travolgente.

Non sono solo bambole, ma elaborati simulacri di ragazzine, di circa 60 cm.,completi di abiti e accessori su misura. La versione automatica di Mirai Suenaga, personaggio mascotte della serie, è in parte bambola e in parte robot.


Siamo ben lontani dall'idea industriale della bambola umanoide per tutti, la Barbie. Qui si tratta di un oggetto tecnologico di design, dalle caratteristiche non comuni e dal costo non accessibile a tutti.

Ciò che più incanta è la loro verosimiglianza, sia pure in forma stilizzata, con i personaggi femminili anime. Semioticamente, l'anime è icona di una ragazzina vera, la Smart Doll è icona dell'anime, in un caleidoscopio di versioni.



La smart doll incarna, con la sua pelle morbida, in silicone, i suoi capelli soffici, i suoi occhi grandi ed espressivi, l'ideale della bambola moderna e interattiva. Un connubio di arte, fashion, design, lusso e tecnologia.

La potremmo definire la bambola 4.0, prendendo a prestito la connotazione della moderna industria dell'Internet of Things, incartata in un velo di poesia e romanticismo.



Un ibrido evoluto, in cui la contaminazione di generi la fa da padrone.

Allegoria del gioco e della poesia dell'adolescenza, diventa un ossimoro nella sua accezione di romantica tecnologia o di tecnologica tenerezza.

Diventata un oggetto del desiderio di pre e post-adolescenti, la metaicona Smart Doll rappresenta un inespresso desiderio di bellezza, perfezione, pulizia e freschezza giovanile, metafora della gioventù, bella e che non passa mai.



Esiste anche il fan club italiano. Lo trovate su Facebook, alla pagina Danny Choo fan club

Qui il video di presentazione della smart doll.



Sempre più intelligenti e smart e sempre più attenti ai consumi e al benessere.

I nuovi climatizzatori riflettono ormai quello che gli utenti di tutto il mondo richiedono:
  • meno sprechi
  • maggiore comfort
  • maggior controllo
  • design curato
  • maggior personalizzazione 
Ormai sono in vendita apparecchi che, pur funzionando insieme ad altri elettrodomestici energivori, non fanno superare la fatidica soglia dei 3,3 kWh oltre la quale il comune contatore domestico "salta".

E poiché il 90% dei climatizzatori comunica ormai via internet e tramite app con l’utente in remoto, è possibile rendersi conto in ogni momento dei consumi, gestirne il funzionamento in modo intelligente evitando che si azionino in nostra assenza o, prima del nostro anticipato ritorno a casa.

La connessione del climatizzatore allo smartphone è ormai in dotazione al 90% dei climatizzatori in commercio

Quanto alle tipologie le differenze derivano da:
  • uso del nuovo gas R32
  • velocità e dall’efficacia dei controlli
  • qualità del motore-compressore
  • possibilità di personalizzare orari, umidità, temperatura, ventilazione e pulizia dell’aria, 
sino ai modelli con un ottimo design e che creano un ambiente realmente “depurato” e senza allergeni, come ad esempio il nuovissimo Crystal Gloss di Samsung.

Il design raffinato del climatizzatore Crystal Gloss di Samsung

I climatizzatori vengono ormai forniti di gadget intelligenti. Tra i diversi spicca l'intelligent eye dell'Emura di Daikin che rileva la presenza umana nella stanza e re-orienta di conseguenza il flusso d'aria in uscita.

L'occhio intelligente dell'Emura di Daikin segue il movimento delle persone all'interno dell'ambiente

Sul display dello smartphone o del tablet i climatizzatori di Samsung, Mitsubishi, Daikin, Haier e Lg Electronics trasmettono, su richiesta, quanto sta consumando l’apparecchio e, in casa, questi dati vengono ricordati, ben visibili anche per i distratti, sul display del condizionatore.


La possibilità di gestire a distanza il clima di casa diventa indispensabile se si vogliono evitare bollette elevate quando sono installati multisplit; ogni locale infatti richiede funzionamenti e regolazioni decisamente diverse per avere un comfort personalizzato ma solo dove è necessario.


Con l’introduzione delle nuove foto a 360 gradi su Facebook, in molti hanno già condiviso le loro immagini panoramiche. Con l'arrivo della pausa estiva e la conseguente possibilità di concedersi un viaggio in qualche località artistica o naturale, si prospetta una stagione di upload davvero intensa sul social di Mark Zuckerberg.

La modalità Facebook 360 permette di mostrare, sulla propria bacheca, delle fotografie da esplorare in tutte le direzioni. In ambiente desktop ci si dovrà spostare tramite il mouse, mentre addirittura più divertente sarà la feature sul mobile: grazie al sapiente impiego dell’accelerometro e del giroscopio ormai disponibili in ogni smartphone, è sufficiente muovere il proprio device nella direzione desiderata.

La schermata introduttive del nuovo servizio offerto da Facebook

Il modo più semplice per sfruttare le nuove peculiarità di Facebook è quello di realizzare uno scatto panoramico. Questa opzione prevede però una limitazione: nella visualizzazione dell’immagine ci si potrà spostare a destra e sinistra, e viceversa, ma non nelle altre dimensioni.

Realizzare una fotografia panoramica è davvero alla portata di tutti in quanto la funzione è già integrata in numerose applicazioni per Android che di iOS.

In genere, viene richiesto di orientare il proprio device da sinistra a destra e il software unirà automaticamente tutti i singoli scatti realizzati, ottenendo così una lunga e dettagliata panoramica. Il file, sempre nel formato Jpeg, potrà quindi essere caricato su Facebook come se si trattasse di una qualsiasi altra fotografia: sarà il social network, in modo del tutto automatico, a predisporne lo speciale visore.

Risultati più interessanti e accattivanti si possono raggiungere non accontentandosi di una panoramica, ma di un'immagine che permetta di raccogliere tutto l’ambiente circostante, a 360 gradi e in ogni direzione.

Di solito, questo tipo particolare di fotografie viene realizzato con speciali apparecchi dalla tipica forma a sfera, come la videocamera Samsung Gear illustrata nel video.


Questi apparecchi ospitano al loro interno decine di sensori fotografici per riprendere ogni porzione visibile dell’ambiente. Tali apparecchiature, tuttavia, possono risultare ancora troppo costose.

Però anche i semplici possessori di uno smartphone possono ottenere foto a 360°: basta usare l’applicazione giusta. Una delle più conosciute è probabilmente PhotoSphere di Google, inclusa nell'applicazione Google Street View e disponibile sia per iOS che per Android.

La schermata di PhotoSphere all'interno di Google StreetView
Installata l’applicazione e giunti alla scherma iniziale, si dovrà premere sull'icona “+” arancione posta in basso a destra sullo schermo. Il menu correlato proporrà di collegare una fotocamera sferica o, in alternativa, di avviare quella interna del dispositivo.

A questo punto, apparirà un riquadro a schermo con la scena da riprendere: il cerchio bianco mostrato dovrà essere sovrapposto, spostando il device, a quello arancione corrispondente e, memorizzata la prima immagine, si procederà nello stesso modo fino a completare un’intera sfera.

Il file ottenuto potrà quindi essere caricato su Facebook: il visore apparirà automaticamente.

La realtà aumentata consiste in un processo di sovrapposizione di input sensoriali, ottenuti digitalmente, al nostro mondo reale, che danno all'utente un senso d’illusione o, appunto, di Realtà Aumentata.

Gli input sensoriali che aumentano gli elementi reali del mondo fisico sono generati dal computer e possono essere audio, video o grafici.

Quanto alla visione dal vivo può essere:
  • diretta, se la si guarda attraverso degli occhiali, come nel caso degli samrtglasses Epson Moverio
  • indiretta, attraverso uno smartphone come lo ZenPhone AR.
Gli smartglasses Epson Moverio

L'efficacia degli Epson Moverio per l'Indistria 4.0

La Realtà Aumentata può comunque essere fruita attraverso diversi tipi di device:
  • sistemi di proiezione ottica come monitor, device portatili (pc, tablet e smatphone)
  • sistemi a display indossabili come una sorta di occhiali. 


La gamma di user experience realizzabili tramite questa tecnologia è variegata.

Immaginate di poter puntare il vostro telefonino o i vostri occhiali AR, guardare attraverso di essi un oggetto della vita reale e poter vedere informazioni aggiuntive su quel particolare oggetto:
  • descrizione del paesaggio urbano che ci circonda con l'indicazione di strade, banche, negozi
  • descrizione del funzionamento dei propri elettrodomestici e delle proprie apparecchiature domestiche
  • descrizione,valutazione di precedenti acquirenti per un oggetto in vendita
  • storia, altre informazioni per un qualsiasi oggetto d’arte, o il valore stimato di un immobile
  • nel settore manifatturiero l'assemblaggio e la manutenzione di qualsiasi macchinario
  • nel settore medico e chirurgico il pieno controllo di un intervento o la valutazione immediata dello quadro clinico di un paziente
In sostanza il nostro mondo reale viene "aumentato" con delle informazioni aggiuntive, una sorta di head up display.

O ancora immaginate di poter collegare i vostri occhiali AR al vostro smartphone e di poter visualizzare direttamente nel vostro campo visivo le informazioni provenienti dal telefonino, scenario pensato da Laforge Optical.

Il display sulle lenti degli occhiali Laforge
Tutto questo e altro ancora si chiama Realtà Aumentata, come dimostra anche il notsro video.




Esistono sul mercato almeno 10 aziende pronte a lanciare auto volanti entro i prossimi cinque anni, ovvero entro il 2022. Lo rivela uno studio di Frost&Sullivan dal titolo “Future of Flying Cars, 2017-2035” appena presentato.

Protagonisti internazionali del calibro di Airbus, Italdesign, Toyota, Kitty Hawk (fondata da Larry Page di Google) e Uber stanno già progettando la mobilità del futuro.

Uber ha già annunciato una flotta di taxi volanti a guida autonoma disponibili nei cieli di Dubai e Dallas entro il 2020.

Il taxi volante di Uber
Liberty Pioneer ha dato il via alle prevendite di Pal-V, con consegna prevista entro il 2018.

L'auto-elicottero Pal-V
Anche AeroMobil ha dato il via alle prenotazioni con prime consegne addirittura entro quest’anno, anche se il loro prototipo, a differenza degli altri citati ed esaminati nel report, non prevede il decollo verticale ma è dotato di ali come un piccolo aereo, diventa quindi più complesso il suo utilizzo cittadino.

Aeromobil si comporta invece come un aereo

L’aeromobile a volo autonomo di Airbus, Vahana, entrerà invece in produzione entro il 2021 e sempre Airbus figura tra l’altro con Carplane e Lillium tra le case che dovrebbero lanciare nell’arco di cinque anni veicoli elettrici, oltre al modello a guida autonoma PopUp presentato nei mesi scorsi insieme a Italdesign.

Il progetto Vahana
la simulazione della fase di decollo di Carplane
Lillium si contraddistingue per l'utilizzo di motori elettrici
Tra le difficoltà che dovranno affrontare i produttori per far sì che questi mezzi terra-aria a decollo verticale – e quindi potenzialmente utilizzabili in città come uno scooter – diventino una realtà di massa, ci sono – come sottolinea il report di Frost&Sullvan – decollo e atterraggio in zone urbane, errore umano, sicurezza, efficienza del carburante, autonomia, rumore, sicurezza e controllo del traffico aereo.

Il progetto Pop-up prevede un modulo "agganciabile" a un drone
I produttori di automobili volanti, secondo lo studio, devono lavorare insieme ai decisori politici per assicurare l’approvazione di normative ben definite e favorevoli per il settore”.

Intanto, sotto l’ombrellone, si può iniziare a sfogliare qualche manuale di pilotaggio e studiare un po’ di teoria del volo. Potrebbe tornare utile molto prima del previsto.

Noi vi proponiamo un video-catalogo da "sfogliare" sul vostro smartphone. Buona visione!


SMAU porta la formazione sotto l'ombrellone con la summer edition della sua Academy.

Si tratta di un percorso formativo gratuito di 8 settimane che permetterà di aggiornare le competenze sui principali trend del momento nel mondo digital, dall'Open Innovation all'Industria 4.0.

E la prima settimana è proprio dedicata agli operatori e appassionati del mondo 4.0.

Si parlerà infatti di Industria 4.0 e di opportunità per le imprese che fanno innovazione derivanti dal Piano Industria 4.0 del Governo e di Internet of Things, con particolare riferimento ai rischi legati alla sicurezza.


Il seminario Startup e PMI innovative, Piano Industria 4.0: le opportunità per le imprese che fanno innovazione (a cura di Mattia Corbetta) è una guida per capire quali opportunità e benefici possono trarre startup e imprese dalle varie misure attuate dal governo per favorire l’innovazione, dallo “Startup Act italiano” all’“Investment Compact”, fino al recente “Piano Industria 4.0”.


Il corso Internet of Things e i rischi per la sicurezza (a cura di Alessandro Bonu) analizza i recenti casi di attacchi informatici. Questi hanno rilevato che gran parte dei dispositivi offensivi facevano parte del mondo IoT e banalmente compromessi dal mancato cambiamento della password di default. Il workshop si pone l’obiettivo di mettere il luce gli effetti di queste apparentemente banali mancanze, tra cui la perdita di dati personali e di informazioni sensibili.

Maggiori info su: http://www.smauacademy.it/

Il fenomeno selfie è iniziato ufficialmente nel 2004, quando un utente di Flickr, piattaforma per la condivisione di foto, ha usato il termine per la prima volta. Ed è esploso in fretta, basti pensare che nel 2013, il termine è stato inserito nell’Oxford Dictionary.

Di fronte a questa crescente necessità di auto immortalarsi, l’industria fotografica ha presentato diversi prodotti. Ci siamo abituati a vedere persone sorreggere un bastone metallico (selfie stick) e autoscattarsi una foto.

Ebbene la nuova frontiera del selfie sembra essere quella dei micro-droni e a tal proposito sono stati presentati da poco alcuni modelli pensati proprio per questo.

Il primo si chiama AirSelfie, ed è un drone quadrimotore tascabile. Con una flying camera che si inserisce facilmente nella cover dello smartphone, il micro drone permette di raggiungere un’altezza massima di 20 metri oltre a essere fornito di una fotocamera da 5 megapixel integrata.

La compattezza del modello AirSelfie
AirSelfie può essere inoltre connesso al WiFi dello smartphone ed essere guidato tramite un’app dedicata.


A Roma si è invece tenuta la presentazione di Spark, il mini-drone che si controlla con i gesti delle mani, in grado anche lui di fare i selfie.


Il modello Spark in azione
Questa sarà dunque l’estate dei micro-droni? Pesano poche decine di grammi, hanno dimensioni ridotte e prezzi abbordabili: tutti vantaggi competitivi che potrebbero trasformarli in un vero e proprio trend 4.0.

Foudotozero propone Sweet Home 3D, il programma gratuito per la progettazione d'interni che consente il posizionamento degli arredi sopra una planimetria con la possibilità di un'anteprima 3D in tempo reale.

Sweet Home 3D è un software per il disegno di interni che aiuta a disporre il proprio arredamento su una piantina 2D, con un anteprima in 3D.

È disponibile per il download al seguente link: http://sourceforge.net/projects/sweethome3d/files/SweetHome3D/SweetHome3D-5.4/SweetHome3D-5.4-windows.exe/download.

Questo programma è rivolto a quanti vogliono progettare gli interni di un'abitazione velocemente, adatti sia per i professionisti del settore, sia per gli appassionati in generale.

Numerose guide visuali vi aiuteranno nel disegno degli interni e nella disposizione degli arredi.

Si possono disegnare gli ambienti sovrapponendoli all'immagine di una piantina esistente, per poi posizionare i mobili e gli elementi di arredo sulla piantina.

L'interfaccia utente è divisa in 4 parti ridimensionatili, denominate pannelli. In alto una barra strumenti, permette di tenere sotto controllo tutte le attività.

I pannelli di Sweet Home 3D

I pannelli di Sweet Home 3D sono i seguenti:

1. Il Catalogo Arredi
Questo catalogo, organizzato in categorie, contiene arredi e oggetti che puoi aggiungere al tuo disegno. Puoi esplorare gli arredi contenuti in ogni categoria cliccando sul triangolo a lato del nome.

2. La Lista Arredi selezionati
Questa lista elenca gli arredi che hai impiegato nell'arredo della tua casa con il nome, le dimensioni e le altre caratteristiche. Possono essere ordinati cliccando l'intestazione di ogni colonna.

3. La Planimetria
Questo pannello visualizza la tua casa come vista dall'alto, su di una griglia contornata da righelli. In questo pannello, con il mouse, disegnerai i muri della tua casa e posizionerai gli arredi.

4. La Vista 3D
Questo pannello visualizza la tua casa in 3 dimensioni. Potrai vedere la tua casa in questo pannello sia dall'alto che dal punto di vista di un visitatore virtuale.

Gli arredi sono selezionandoli da un comodo catalogo diviso in categorie e possono essere trascinati velocemente all'interno della planimetria.

Il rendering fotorealistico di Sweet Home 3D

Esiste anche un comodo importatore che permette di aggiungere i propri modelli 3D alla libreria.

Lo strumento per importare gli arredi

Ogni modifica in planimetria aggiornerà simultaneamente la vista in 3D, così da mostrare all'utente una visione realistica del disegno.

Questa guida mostra le principali caratteristiche del programma.


Non resta che augurarvi una buona progettazione!